Skip to content

THE FIRST FEMALE FRAGRANCE BY MIU MIU

A contradictory, consistent and rebellious universe.

The first fragrance by Miu Miu, absolute novelty of the end of the season, from September 1st in all Italian perfumeries. Famous perfumer Daniela Andrier built the olfactory harmony on a floral bouquet with frictions and contrasts: the heart of Lily combined with flowers, woods, synthetic green notes which create a natural, timeless effect. Cool and rebellious sillage, for a feline beauty, elusive, not prone to rules. Its bottle made of opaque blue glass, mixes 60s references and cites a padded texture, trademark of the Maison. A translucent burgundy disc on its cap, gives an eccentric technicolor and shiny touch to the fragrance.The universe of Miu Miu made of rigorous distortions and  blameless perversions, blend into a coherent discussion: everything is apparently in place while is in reality complacently misplaced. Where psychedelia and austerity go hand in hand in a domestic, upper middle class environment, as expected. The first fragrance by Miu Miu, be sure of this, will mark the tendency to follow on olfactory agreements of the upcoming seasons. Where Miuccia goes, others follow.

MiuMiu-ProprietexclusiveMy personal interpretation on the first fragrance by MIU MIU.

La prima fragranza di Miu Miu, novità assoluta di fine stagione dal 1 Settembre nelle profumerie italiane. La celebre profumiera Daniela Andrier ha costruito l’armonia olfattiva su un bouquet fiorito con frizioni e contrasti: al cuore di Mughetto unisce fiori, legni, note verdi sintetiche creando un effetto naturale, senza tempo. Sillage, fresco e ribelle per una bellezza felina, sfuggente, poco incline alle regole. Il flacone di vetro opaco azzurro, mescola riferimenti ’60 e cita il tessuto matelassé, trademark della maison. Un disco traslucido rosso bordeaux sul tappo dona un tocco brillante ed eccentrico technicolor alla fragranza. L’universo di Miu Miu fatto di storture rigorose e perversioni irreprensibili si amalgamano in un discorso coerente: tutto è apparentemente a posto mentre è in realtà compiaciutamente fuori luogo. Dove psichedelia e severità vanno a braccetto in un ambiente domestico, alto borghese, come da copione. La prima fragranza di Miu Miu, statene certi, segnerà la tendenza da seguire sugli accordi olfattivi delle prossime stagioni. Dove Miuccia va, gli altri seguono.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

MIDNIGHT COLOR

News on autumn 2015 makeup trends. Starring mascara, eye shadows and eyeliner. Night colors create a range of dark tones culminating in absolute darkness. Chanel make up focuses on a look with smoky-eyes effect with an only imperative: femme fatale with an intense gaze.

Midnight-ProprietexclusiveMy personal interpretation of Ombre Essentielle Soft Touch Eye Eyeshadow 118 Midnight CHANEL.

Anticipazioni tendenze maquillage autunnali 2015. Protagonisti mascara, ombretti e eyeliner. Colori notturni creano una gamma di tonalità oscure che culminano nel buio assoluto. Il make up di Chanel si concentra sullo sguardo con effetto smoky-eyes con un solo imperativo: femme fatale dallo sguardo intenso.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

BLOOM OF ROSE

Advances on Autumn 2015 collections. Colored lip balms and a base to fortify nails. Bloom of Rose by GUERLAIN collection is a vitaminic “must-have” to preserve natural summer colors while going towards cold seasons. Lipstick and nail polish with ultra-light texture on flesh just like butterflies and ethereal nuancese inspired by colors of  of those roses just blossomed. New colors of makeup collections will will give the feel of a newfound spring, but out of season.

Guerlain-ProprietexclusiveMy personal interpretation of Morning Rose R371 KissKiss Roselip by GUERLAIN.

Anticipazioni collezioni autunnali 2015. Balsami colorati per le labbra e una base per le unghie fortificanti. La collezione Bloom of Rose di GUERLAIN è un “must-have” vitaminico per conservare la naturalezza dei colori estivi da traghettare nella stagione fredda. Lipstick e smalti con texture ultraleggere come farfalle sull’incarnato, nuances eteree ispirate alle tinte delle rose appena sbocciate. I nuovi colori delle collezioni maquillage daranno la sensazione di una primavera ritrovata fuori stagione.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

GUCCI BAMBOO

I am increasingly convinced that when it comes to fragrances Gucci has never made a misstep. All Florentine fashion house fragrances have racked up a series of planetary successes in each of their launch. We are confident that it will be so also for the latest version of Bamboo dedicated to a symbol piece of the brand: the bag with the handle made of Bambù created in 1947. The eau de parfum is the result of a genius, strong and seductive combination created in its olfactory pyramid: beside rich flowers like Lily and Ylang Yalng, its bouquet develops woods, which in perfumery are usually used to provide body and density to male fragrances. The result is a dynamic sillage enclosed in a multi faceted bottle like a diamond in Decò style. For a confident woman. But always very feminine.

Gucci-Bamboo-ProprietexclusiveMy personal interpretation of GUCCI Bamboo Eau de Parfum.

Sono sempre più convinto che in fatto di fragranze Gucci non ha mai fatto un passo falso. I profumi della casa di moda fiorentina hanno collezionato un susseguirsi di successi planetari a ogni loro uscita. Siamo certi che sarà così anche per l’ultima versione di Bamboo dedicata a un pezzo simbolo del brand: la borsa con il manico di Bambù creata nel 1947. L’eau de parfum è il risultato di una combinazione geniale, forte e seducente creata nella piramide olfattiva: accanto a fiori ricchi come il Giglio e l’Ylang Yalng, il bouquet sviluppa i legni, che in profumeria di solito vengono utilizzati per offrire corpo e densità alle fragranza maschili. Il risultato è un sillage dinamico racchiuso in un flacone sfaccettato come un diamante in stile Decò. Per una donna sicura. Ma sempre molto femminile.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

THE DARK IRONY OF ALESSANDRO GAGGIO

Alessandro lives in Florence. A multifaceted artist as well as protagonist of the cultural underground scene of the 80s. Decorator, illustrator, set designer, costume designer. He lives outside commercial logics of fashion. Reserved and determined, as fussy as constant in his creative career. He worked for brands such as VALENTINO, GUCCI, FENDI and MOSCHINO, for which he designed accessories and prints for fabrics. His latest creation, jewels for the Haute Couture Fall 2015 collection of Maison Valentino, presented last July 9th in Rome, in the picturesque setting of Piazza Mignanelli. Strange dreamy figures, skulls, totems. Enigmatic creatures suspended between macabre and ironic which take life from precious materials like gold. Necklaces, diadems, bracelets, earrings, belts and amulets are worn on hazy dresses which dark, severe and opulent silhouette oscillates between christian and pagan; it wisely quotes gothic sculpture of the twelfth century and the unrivaled exaltation of savoir-fare of italian atelier. The jewels of ALESSANDRO GAGGIO are unconventional creations, there to impress and attract the viewer. Unique pieces shaped by his skilled hands, from which come also wax sculptures, precious materials and glazed soil.

AG-Proprietexclusive-1How did the collaboration with the MAISON VALENTINO start? I know Maria Grazia Chiuri and Pierpaolo Piccioli since many years, we have mutual respect for both our strengths and our shortcomings. For this Haute Couture collection, they found that the style of my jewelery was in tune with their clothes, and I’m very happy about this, because, as usual, I found their collection amazing. Which  were the developments of the project? Working with Maria Grazia Chiuri and Pierpaolo Piccioli after so many years has been, and I hope it will be, very challenging and funny, also because they work with a lot of very pleasant people.

AG-Proprietexclusive-2What has changed today in the use of jewelry? Jewels for me, for what is my vision of them at least, is not related to preciousness but to beauty and its expressiveness; whether they are linear or elaborate, but this is a very personal opinion. You Experience following a defined path or your instinct? I always work following my instinct, my creations come from a clear initial idea, that is developed in the most simple and effective way, always remaining faithful to the concept that each piece is unique and must have a soul.

AG-Proprietexclusive-3Which are the biggest limits  which a designer has to face to become famous or just to work? In order to implement freely their own design projects and make himself known, the biggest limit is the economic availability, taking for granted that there is talent. Your professional background is diverse. What all the very different experiences done have taught to you? My professional/creative experience taught me to understand something about humanity: vices, virtues, defects, qualities, bullying and kindness.

AG-Proprietexclusive-4Your first and most successful design experience? It ‘hard to say because I never deliver something of which I’m not sure. Experience taught me to kill every creation failed and still to today, it often happens that I actually kill. Your reference points for style? I have no point of references for style, I only know what I like: sincerity, lightness and a lot of irony.

AG-Proprietexclusive-5My blog tells Beauty in its various forms. What is your idea of beauty? For me Beauty is irony and expressiveness, with or without conventional proportions, as long as created and experienced with immediacy, culture, ethics and respect. What’s in your  playlist? And what were you listening to while drawing the jewelry collection for Maison Valentino? My favorite are songwriters, both Italian and not, I have songs and music that I am  very close to, regardeless what I am doing, whether I deraw, speak or stay in silence. A wish for 2015. I hope to continue doing what I like and that my job will  give me more and more satisfaction.

AG-Proprietexclusive-6Vive a Firenze, Alessandro. Artista poliedrico tra i protagonisti della vita culturale underground degli anni ’80. Decoratore, illustratore, scenografo, costumista teatrale. Vive fuori delle logiche commerciali della moda. Riservato e determinato, pignolo quanto costante nel suo percorso creativo. Ha lavorato per firme del calibro di VALENTINO, GUCCI, FENDI e MOSCHINO, per le quali ha progettato accessori e stampe per tessuto. L’ultima creazione i gioielli per la collezione Haute Couture, Autunno 2015 della Maison Valentino presentata lo scorso 9 Luglio, nella suggestiva cornice di Piazza Mignanelli. Strane figure oniriche, teschi, totem. Creature enigmatiche sospese tra il macabro e l’ironico prendono vita da materiali preziosi come l’oro. I gioielli di ALESSANDRO GAGGIO sono creazioni che escono dall’usuale per stupire e attrarre chi le osserva. Pezzi unici plasmati dalle mani sapienti del poliedrico artista, dalle quali nascono anche sculture in cera, materiali preziosi e terraglia smaltata. Come nasce la collaborazione con la MAISON VALENTINO? Conosco Maria Grazia e Pierpaolo da moltissimi anni, abbiamo stima reciproca sia per i nostri pregi che per i nostri difetti.  Per la collezione di Haute Couture hanno trovato che lo stile dei miei gioielli fosse in sintonia con i loro abiti, e ne sono molto contento, perché, come al solito, ho trovato la collezione veramente bella. Quali gli sviluppi del progetto? Lavorare con Maria Grazia e Pierpaolo dopo tanti anni è stato e spero sarà molto stimolante e divertente, anche perché capaci di circondarsi di persone molto piacevoli. Com’è cambiato oggi l’uso del gioiello? Il gioiello per me, per quella che è la mia visione, non è legato alla preziosità ma alla bellezza e alla sua espressività, lineare o elaborato esso sia, ma è un parere del tutto personale. Sperimenta seguendo un percorso definito o segue l’istinto? Lavoro sempre seguendo il mio istinto, le mie creazioni derivano da un’idea iniziale chiara, che viene sviluppata nella maniera più semplice ed efficace, rimanendo sempre fedele al concetto che ogni pezzo è unico e deve avere un anima.

AG-Proprietexclusive-7Quali sono i limiti più grossi che deve affrontare un designer per farsi conoscere o semplicemente per lavorare? Per poter realizzare liberamente i propri progetti di design e farsi conoscere il limite più grosso è la disponibilità economica, premettendo che ci sia talento. Il suo background professionale è vario. Cosa le hanno insegnato le diverse esperienze? La mia esperienza lavorativa/creativa, mi ha insegnato a comprendere qualcosa dell’umanità: vizzi, virtù, pregi, prepotenze e gentilezze. La sua prima esperienza progettuale più riuscita? E’ difficile da dire, poiché non consegno mai qualcosa di cui non sono sicuro. L’esperienza mi ha insegnato a uccidere ogni creazione non riuscita e ancora oggi, uccidere, mi capita spesso. I suoi punti di riferimento per lo stile? Non ho punti di riferimento per lo stile, so soltanto cosa mi piace: sincerità, leggerezza e tanta ironia. Il mio blog racconta la bellezza nelle sue varie forme. Qual è la sua idea di bellezza? Per me la bellezza è l’ironia e l’espressività, con o senza proporzioni convenzionali, purché creati o vissuti con immediatezza, cultura, etica e rispetto. Cosa c’è nella sua playlist? E cosa ha ascoltato mentre disegnava la collezione di gioielli per la Maison Valentino? Prediligo i cantautori, sia italiani che non, ho canzoni e musiche a cui sono molto legato che ascolto a prescindere da qualunque cosa faccia, che disegni, che parli o che stia in silenzio. Un desiderio per il 2015. Spero di poter continuare a fare ciò che mi piace e che il mio lavoro mi dia sempre più soddisfazione.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

GUCCI SPRING-SUMMER 2016

The constant repêchage of shapes and styles from the past, otherwise known as fever of vintage, is one of the most obvious indicators of the cosmic void of creativity. Whether we like it or not, now it is all déjà-vu. Where does for instance pop out,  the revival of flairs and trinkets hippy chic style? For each silhouette, says the first principle of fashionable dynamic, there is an equal and an opposite one, and so after the I line of yesterday, here come today’s flares. As for GUCCI, it doesn’t really matter that everything look fresh, romantic and decadent: despair for seeing a trend that seemed over back on track, remains.

Gucci-Proprietexclusive

Il costante repêchage di forme e stilemi del passato, altrimenti noto come febbre malarica del vintage, è uno degli indicatori più evidenti del vuoto cosmico di creatività. Che lo si voglia o no, ormai è tutto un déjà-vu. Da dove spunterà fuori, ad esempio, il revival di zampe d’elefante e chincaglieria hippy chic? A ogni silhouette, recita il primo principio di dinamica modaiola, ne corrisponde una uguale e contraria, e così dopo la linea a I di ieri, ecco le campane di oggi. Poco importa che il tutto appaia fresco, romantico e decadente da Gucci: lo sconforto di rivedere in pista un trend che sembrava archiviato, rimane.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

MAC COSMETICS AND GIAMBATTISTA VALLI

Available in MAC stores in limited edition for only 4 weeks the collection of lipstick designed by GIAMBATTISTA VALLI for MAC COSMETICS. Five matte shades: from pale pink to dark cherry with blue undertones, passing through bright peach yellow and strong pink. A cromatic color palette with romantic tones which will take us in a cryptic way with its darker tones to next season shades.

MAC-VALLI-Proprietexclusive È disponibile nei negozi MAC in edizione limitata per sole 4 settimane la collezione di lipstick realizzata da GIAMBATTISTA VALLI per MAC COSMETICS. Cinque nuances effetto matte: dal Rosa pallido, al Ciliegia scuro con sottotoni azzurri, passando attraverso il Giallo Pesca luminoso e il Rosa vivo. Una palette cromatica dai toni romantici che sibillina ci traghetterà con i suoi toni più scuri alle nuances della prossima stagione.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

FALL 2015 COUTURE: MAISON VALENTINO AND THE IMPERIAL ROME

Maria Grazia Chiuri and Pier Paolo Piccioli, creative directors of Maison Valentino, on Thursday the 9th of July, showed the Haute Couture collection for Fall 2015 in the picturesque setting of Piazza Mignanelli, in front of the historical site of the Italian fashion house. Theme: The Ancient Rome. The collection MIRABILIA ROMAE focuses  and summarizes in 59 outfits, the glorious past of the Imperial Rome, a tribute to the historical and indissoluble bond that Valentino has with the eternal city. Vibrant and romantic Silhouette, full of metaphors and decorative symbolism. Beyond historical quotations, Maria Grazia Chiuri and Pier Paolo Piccioli succeed where many failed: they combine creativity and savoir-faire with what is truly wearable, in the execution without excesses. Winning in style. Because glamor sometimes has be poetic. “Mirabilia Romae” is also the name of a Capsule Collection for sale only in the Roman flagship store of the brand, in Piazza di Spagna.

Pictures of MAISON VALENTINO 2015 Fall collection.

Valentino-Proprietexclusive-1

Valentino-Proprietexclusive-4

Valentino-Proprietexclusive-6

Valentino-Proprietexclusive-7

Valentino-Proprietexclusive-8Maria Grazie Chiuri e Pier Paolo Piccioli, Direttori Creativi della Maison Valentino, hanno presentato Giovedì 9 Luglio la collezione Haute Couture per l’Autunno 2015, nella suggestiva cornice di Piazza Mignanelli di fronte la sede storica della maison italiana. Tema: l’Antica Roma. La collezione MIRABILIA ROMAE concentra e riassume in 59 outfit il passato glorioso della Roma Imperiale, un omaggio al legame storico e indissolubile che Valentino ha con la città eterna. Silhouette vibrante e romantica, ricca di metafore e simbolismi decorativi. Aldilà del citazionismo storico Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli riescono dove molti falliscono: associano creatività e savoir-faire con quello che è realmente portabile, nell’esecuzione senza eccessi. Vincendo sempre in eleganza. Perché il glamour a volte deve essere anche poetico. “Mirabilia Romae” è anche il nome di una Capsule Collection in vendita soltanto nel flagship store romano del marchio, in Piazza di Spagna.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

CLASSIC SHAPES

FALL 2015 COUTURE: VIONNET method  in Paris Couture fashion shows. From Schiaparelli to GIAMBATTISTA VALLI through contemporary art.

Past can be mentioned in an original way. This can be done through art fighting obviousness and conventions. Couture collections wink at Vionnet method, ethereal chitons of ionic statues. They are built with drapery and fluidity calculated to the millimeter.

CoutureFall2015-ProprietexclusiveTwo models from Fall 2015 Haute Couture fashion show, from left: SCHIAPARELLI by Bertrand Guyon and GIAMBATTISTA VALLI.

Inspiration comes from the thirties, when the break with the style of the historical avant-garde happened. New aesthetic research that followed were identified as “neo-classic” style. Are from these years the neoclassical period of Picasso and Stravinsky while De Chirico used a repertoire of  “archaeological” signs for his metaphysical painting. Even totalitarian regimes, that marked political life of the decade, formed their image on the recovery of unlikely relationship with the Roman Empire and its insignia. Fashion also adopted a classical language: bodies shaped by sport typical of the twenties became the symbol of a statuesque beauty, sinuously caressed by clothes that valorized its natural sex appeal.

Vionnet-ProprietexclusiveMADELAINE VIONNET, ‘Bas-relief frieze’ dress, photographed by George Hoyningen-Huene for French VOGUE, 1931.

The return to a new-found classicism in vogue since several seasons ago, is not just a passing trend, tableaux vivants, paintings, contemporary masters sculptures such as John Currin, Olaf Breuning, Vanessa Beecroft and Marlene Dumas, emphasize the attributes of a contemporary femininity, enhancing body, feeding the cult, the consumption of sex and inspiring products and billionaire business. Fashion designers go back to classical tradition and to bold metaphysical views, to transform female body into an intangible divine presence. An unexpected contemporary synthesis of gentleness, eros, fashion, nudity and make-up. Fluid interpretations of clothes, a unique taste for pastel shades, so sugary to make a collection look like a fairy-tale.

BV74-ProprietexclusiveBellissima VANESSA BEECROFT VB74 performance at MAXXI, Rome 2014.

Il passato si può citare in maniera originale. Lo si può fare attraverso l’arte sfidando ovvietà e convenzioni. Le collezioni Couture strizzano l’occhio al metodo Vionnet, eterei chitoni delle statue ioniche. Sono costruiti con panneggi e fluidità calcolata al millimetro. L’ispirazione nasce dagli anni trenta, quando avvenne la rottura con lo stile delle avanguardie storiche. Le nuove ricerche estetiche che seguirono furono identificate come stile “neoclassico”. Sono di questi anni il periodo neoclassico di Picasso e Stravinskij, mentre De Chirico usava un repertorio di segni “archeologici” per la sua pittura metafisica. Anche i regimi totalitari, che segnarono la vita politica del decennio, costituirono la loro immagine sul recupero di improbabili relazioni con l’Impero Romano e le sue insegne. Anche la moda adottò un linguaggio classico: il fisico modellato dallo sport durante gli anni Venti divenne il simbolo di una bellezza statuaria, sinuosamente accarezzata da abiti che ne valorizzavano il naturale sex-appeal. Il ritorno a un classicismo ritrovato ormai in auge da qualche stagione non è solo un trend passeggero, tableaux vivants, dipinti, sculture dei maestri contemporanei di John Currin, Olaf Breuning, Vanessa Beecroft e Marlene Dumas, enfatizzano gli attributi della femminilità contemporanea esaltandone il corpo, alimentando il culto, il consumo del sesso e ispirando prodotti e business mulitmilionari. Gli stilisti ricalcano la tradizione classica e gli arditi scorci metafisici per trasformare il corpo femminile in un’impalpabile presenza divina. Un’inaspettata contemporanea sintesi di soavità, eros, moda, nudità e make-up. Interpretazioni fluide di abiti, un gusto inconfondibile per il colore pastello, tanto zuccheroso, da far sembrare una collezione una favola onirica.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

FALL 2015 COUTURE: NEOCLASSIQUE

Next fall season Couture dresses  have Neoclassic line and are inspired by early nineteenth century clothesShapes and designs with neoclassical decorations transform feminine silhouette into ancient princesses .

Schiaparelli-ProprietexclusiveImage collection ELSA SCHIAPARELLI

AFLE-ProprietexclusiveImage collection ALBERTA FERRETTI LIMITED EDITION

Gli abiti couture della prossima stagione autunnale hanno una linea Neoclassique, scivolano sul corpo e si ispirano all’abbigliamento di inizio ‘800. Forme e decorazioni con disegni Neoclassici trasformano la silhouette femminile in principesse di altri tempi.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter