ECLECTIC STYLE

In partnership with Marella

Informal choices but absolutely stilish. Self addressed personality that exceeds classics aesthetic codes such as the look of the season. A new icon emerges from an eclectic repêchage-mixage between hieratic beauty and modern glamour, freely interpreted. Simplification of black. Redefinition of black & white, in contrast to shades of pink and grey; scarf tied on head as Valentina Cortese focuses on a new glamour, opulent, full of vital thrills with a decadent taste, aristocratic, theatrical, circus like. Tensions that run through fashion, combining rigor against abandonment, firmness opposed to relaxation in an excess of fantasies and severe lines.

EclecticStyle-Proprietexclusive

Scelte informali ma assolutamente stilish. Personalità autoreferenziale che supera i codici estetici classici come il look di stagione. Una nuova icona emerge da un eclettico repêchage-mixage tra bellezza ieratica e glamour moderno, liberamente interpretato. La semplificazione del nero. La ridefinizione del black&white, in contrasto con le nuances dei rosa e dei grigi, il foulard legato sulla testa come Valentina Cortese, pone l’accento su un nuovo glamour, opulento, pieno di fremiti vitali con un sapore decadente, aristocratico, teatrale, circense. Tensioni che percorrono la moda, uniscono il rigore contro l’abbandono, fermezza contrapposta a rilassatezza in un eccesso di fantasie e linee severe.

LOVE-Beige-MarellaFoulard LOVE – Boudoir Mood – Beige  MARELLA by ALESSIO NESIlineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

ESPRIT COUTURE

In partnership with Elle.it

In perfumery as in fashion it is still possible to experience. This has been seen in recent fashion shows in Milan and Paris. If in fashion prêt-à-porter can be pushed up to the top near couture, preserving its excellence, even in fragrances it is possible to breathe air of innovation with new materials never used before. Papaya flowers, whyte Narcissus, White Lily, White Amasryllis. On the latest fragrances blows a Mediterranean wind. From Deep South emerges a sensual beauty, daring and made of formal rigor, provocative and aristocratic elegance: to grasp the new esprit, Dolce & Gabbana create DOLCE, a very seductive sillage against the backdrop of a noble Sicily in balance between craftsmanship and perfume innovation. “Nobility of the soul, elegance of everyday life , perfection of a white flower. An image of Sicily which i keep inside me and that is enclosed in this delicate essence“, comments Domenico Dolce. Dolce is a honeydew harmony of white flowers, very bright, introduced by freshness of Neroli leaves and Papaya flower in its top notes and characterized by whyte Amarillys, a South African flower never used before in perfumery, which are transformed into a flowery bouquet in the heart of the scent. “Dolce comes from a memory, but it is a contemporary fragrance. Not only for the way it has been built using traditional wood and other innovative things never used before, but also because it is the transposition into a scent of a fresh and innocent love  and therefore always young“, adds Stefano Gabbana. An idea of innocence that exudes sensuality. Through Dolce, big spenders of the brand revive emotions, culture and values of the past preserved to this day. It is the simplicity of a result obtained through a complex work, such as the one needed to sew a dress finely embroidered.

 Dolce-PropritexclusiveEau de Parfum Dolce DOLCE & GABBANA

Nella profumeria come nella moda si può ancora sperimentare. Lo si è visto nelle scorse sfilate di Milano e Parigi. Se nella moda si può spingere il prêt-à-porter in alto vicino alla couture, preservandone l’eccellenza, anche nelle fragranze si respira aria d’innovazione con nuove materie mai usate prima d’ora. Fiori di Papaia, Narciso Bianco, Ninfea Bianca, Amasryllis Bianco. Sulle ultime fragranze spira un vento Mediterraneo. Dal profondo Sud, emerge una bellezza sensuale, fatta di audacia e rigore formale, provocazione ed eleganza aristocratica: a cogliere il nuovo esprit,  Dolce & Gabbana creano Dolce, un sillage decisamente seduttivo sullo sfondo di una Sicilia nobile in equilibrio tra artigianalità e innovazione profumiera.“La nobiltà d’animo, l’eleganza dei gesti quotidiani, la perfezione di un fiore bianco. Un’immagine della Sicilia che mi porto dentro, e che è racchiusa in questa essenza delicata”. Commenta Domenico Dolce. Dolce è un’armonia melata e luminosa di fiori bianchi, introdotta dalla freschezza delle foglie di Neroli e fiore di Papaia nelle note di testa, e caratterizzata dall’Amarillys Bianco, un fiore sudafricano mai usato prima d’ora in profumeria, che si trasformano in un bouquet fiorito nel cuore del profumo. “Dolce nasce da un ricordo, ma è una fragranza contemporanea. Non solo per il modo in cui è stata costruita, usando essenze tradizionali e altre innovative mai usate prima, ma anche perché è la trasposizione in profumo di una amore fresco e innocente, e per questo sempre giovane”, aggiunge Stefano Gabbana. Un’idea d’innocenza che sprizza carnalità. Attraverso Dolce le big spender del brand rivivono le emozioni, la cultura e i valori del passato tramandati fino ad oggi. È la semplicità di un risultato ottenuto attraverso un lavoro complesso, come quello necessario per cucire un abito finemente ricamato.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

WOMEN IN MYTH – ESTÈE LAUDER

On the occasion of the 10th anniversary since Estée Lauder death, business woman and pionier of 19th century cosmetic, Diva Universal (Sky Channel 133) on sunday the 20th of April at 8.50 pm dedicates a special report on “Women in Myth”. A history dedicated to Estée Lauder’s talent, orientation for business and innovation; to the only woman inserted in the list of the most influential 20 business personalities of the 20th century, done by Time Magazine. The documentary narrates the history of this american business woman from the creation of her cosmetic empyre to her family dinasty. This huge american business woman founded her cosmetic empyre starting from her small house kitchen, where she used to prepare creams which she’d then sell door to door to beauty salons and hotels. In 1930, further to her marriage to Joseph Lauder, Estèe opened a shop in New York. She made a revolution in terms of sales tecniques introducing marketing strategies never seen before: the concept of “talk and touch” which consisted in promoting products applying them directly on client’s faces as well as the concept of “free sample” given as a gift to clients so they could try the product before. The reportage describes Lauder’s dinasty made out of extraordinary, strong women – from Estée to Evelyn until Aerin – and of their philanthropy with Breast Cancer Research Foundation. Not to be missed!

RET_Estee_Lauder_TBT

In occasione del decimo anniversario dalla scomparsa di Estée Lauder, imprenditrice e pioniera della cosmetica del novecento, Diva Universal (Canale Sky 133) dedica, domenica 20 aprile alle ore 20.50, uno speciale di “Donne nel Mito”. Una storia dedicata al talento, al fiuto per gli affari e all’innovazione di Estée lauder, l’unica donna ad essere inserita nella classifica delle 20 personalità imprenditoriali più influenti del Ventesimo secolo, stilata dalla rivista “Time”. Il documentario narra la storia dell’imprenditrice americana, dalla fondazione del suo impero cosmetico alla dinastia familiare. La grande imprenditrice statunitense fondò il suo impero della cosmesi partendo dalla piccola cucina di casa, dove preparava creme che andava a vendere porta a porta ai saloni di bellezza e hotel. Nel 1930, in seguito al matrimonio con Joseph Lauder, Estèe aprì un punto vendita a New York. Rivoluzionò le tecniche di vendita introducendo strategie di marketing mai viste prima: il concetto “talk and touch” che consisteva nel promuovere i prodotti applicandoli direttamente sul viso dei clienti e quello del “sample”, il campioncino regalo per provare un prodotto. Il reportage descrive la dinastia dei Lauder composto di donne forti e straordinarie – da Estée, a Evelyn fino a Aerin – e della loro filantropia con la Breast Cancer Research Foundation. Da non perdere!

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

EPHEMERAL EDITIONS

“Italian Beauty” written by Anna Airoldi and Gabriella Lojacono, published by Rizzoli, tells about the beauty market Made in Italy: ancient origins and trends, perfumery, collaborations with cosmetic companies, Beauty Bloggers, beauty as a brand and digital marketing, limited editions. Available in all libraries from April 23rd. (Images are not in the book, in this case I have incorporated them in the text in order to reason the article  on my blog in a better way).

They are called star-products because they apply to maquillage collections as well as actresses to red carpets. They summerise interpretation spirit of collections of the brand which produce them, evoking colors, texture and accessories. Maquillage as a symbol. Object of desire, multifunctional, small and precious, can stay in the palm of a hand. Make-up kits, arriving in parfumeries every season together with make-up collections, are exclusive jewels, cult objects, in limited edition, sold in selected shops. On top of being collectable items, almost fetish, they have innovative formulas and functions, apprecciated by consumers. Coordinated like an exclusive accessory, they garantee scenographic effects. Their distinctive mark is the esplicit quotation linked to fashion world. Palette Ecrin Du Soir, from Soir D’Exception Autumn/winter 2013 collection by Givenchy has an elegant leather and metal box which blinks to couture collection. Inspired by Versailles’ gold’s splendor is, instead, precious Boitier Diorific by Dior, poudre compacte illuminating parfumée for Xmas 2013 look.

DIORIFIC POUDRE COMPACTE ILLUMINATRICEBoitier Diorific by DIOR, poudre compacte illuminating parfumée for Xmas 2013 look. 

Its box with perfect curves is like a jewel and contains a powder on which are embossed Masai necklace pearls; a powder sprinkled with mother of pearl that illuminates cheekbones thanks to its tiny gold particles. Two variations of color, Rose d’Or and Perle d’Or, carve skin delicately perfuming it with notes of J’Adore. Gold glories, mother of pearl and roses transform complexion in a sort of parure from old ancient times. Most of all, the design concept is definitely the main characteristic of star-products. Anti-aging cream’s cosmetic formulas with multiple effectiveness and pocket size fragrances, have basically changed cosmetics and perfumes “software”. The thunderbolt is in the object. Behind all this sophistication there is a lot of quality. One of the most successful components of a beauty product is its packaging; for this reason limited editions work primarily on a brand DNA, when this is known for scientific safety of products, as in the case of Forever Yves Saint Laurent skin-care line, as regards cosmetic. As regards fragrances instead, it is important to mention See By Chloé Paint a Scent limited edition (in stores from November 2013).

SeeByChloeSEE by CHLOÉ Paint a Scent limited edition 

This brand focus on original design and it scores a goal with an adorable mini fragrance. Inside the bottle , a brush to apply on skin, behind ears or on a wrist, this seductive floral bouquet. Design suggests a new way to apply fragrances, with a quick gesture and no waste of product. Creativity at its best, even for paperback editions of Daisy by Marc Jacobs. Real luxury lies in small things. Beauty accessories which are difficult to find and to collect. Sophisticated collectable objects, unique in their genre which of course cannot stay too.

Cover-ProprietexclusiveCover-book  ITALIAN BEAUTY by RIZZOLI

Il libro Italian Beauty scritto da Anna Airoldi e Gabriella Lojacono, edito da Rizzoli racconta il mercato della bellezza tutto Made in Italy: le antiche origini e le tendenze, la profumeria, la collaborazione con le case cosmetiche, i Beauty Blogger, i beatuy brand e il digital marketing, le edizioni limitate. Dal 23 Aprile disponibile in tutte le librerie. (Le immagini nel libro non ci sono l’ho inserite nel testo per argomentare al meglio l’articolo sul mio blog).

Si chiamano star-products perché stanno alle collezioni maquillage come le attrici sui red-carpet. Riassumono lo spirito interpretativo delle collezioni del brand che li produce evocandone colori, tessuti e accessori. Trucchi simbolo. Oggetti del desiderio, multifunzionali, piccoli e preziosi, stanno nel palmo di una mano. I kit make-up che arrivano nelle profumerie ogni stagione insieme alle collezioni make-up sono gioielli esclusivi, di culto, in edizione limitata, venduti in punti vendita selezionati. Oltre a essere oggetti feticci da collezionare hanno formule e funzionalità innovative apprezzate dalle consumatrici. Coordinati come un accessorio esclusivo, garantiscono effetti scenografici. Il loro tratto distintivo sono le citazioni esplicite legate al mondo della moda. La palette Ecrin Du Soir, della collezione Soir D’Exception Autunno/Inverno 2013 di Givenchy, ha un elegante astuccio di pelle e metallo strizza l’occhio alla collezione couture. S’ispira invece allo sfarzo degli ori di Versailles il prezioso boitier Diorific, poudre compacte illuminatrice parfumée di Dior per il Look Noel 2013. Lo scrigno dalle curve perfette pensato come un gioiello, custodisce una polvere su cui sono impresse in rilievo le perle della collana Masai, una polvere cosparsa di madreperla che illumina gli zigomi grazie alle sue minuscole particelle dorate. Le due declinazioni di colore, Rose d’Or o Perle d’Or, scolpiscono la pelle profumandola delicatamente con le note di J’Adore. I fasti dell’oro, il madreperla e le rose trasformano l’incarnato in parure di altri tempi. Ma è soprattutto il concetto di design la caratteristica principale degli star-products. Risiede anche nelle formule cosmetiche di creme anti-età dall’efficacia multipla e le profumazioni formato tascabile che hanno cambiato il “softwear” di cosmetici e profumi. Il colpo di fulmine sta nell’oggetto. Dietro a tanta ricercatezza si nasconde molta qualità. Una delle componenti di maggiore successo di un prodotto di bellezza è il packaging per questo le edizioni limitate lavorano essenzialmente sul DNA del brand, quando questo è ormai conosciuto per la sicura scientificità dei suoi prodotti come nel caso della linea skin-care Forever di Yves Saint Laurent, per quanto riguarda la cosmetica. Mentre per quanto riguarda le profumazioni è il caso di citare l’edizione limitata, (in vendita nei negozi a partire da Novembre 2013) di See By Chloé, Paint a Scent. Il brand, punta sul design originale e fa goal con un’adorabile mini-fragranza. Dentro al flacone, un pennello per applicare il seducente bouquet floreale sulla pelle, dietro l’orecchio o sul polso. Il design suggerisce un nuovo modo di applicare la fragranza con un gesto veloce e senza spreco di prodotto. Creatività allo stato puro, anche per le edizioni tascabili di Daisy di Marc Jacobs. Il vero lusso, sta nelle piccole cose. Accessori di bellezza introvabili e da collezionare. Sofisticati oggetti da collezione in quanto unici nel loro genere non posso stare troppo tempo in listino.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

NEOGOTHIC

In partnership with Marella.

Transposition in a fairy-tale key of the most classic nineteenth-century Gothic Revival. Base color black. Rigorous and emphatic. Radical, yet romantic. Scarf “Desire”, declined in the simplest black and white is worn, given the large size, as a large cape knotted on neckline. Black, thread of the contemporary marks social and aesthetic steps of costume. It is not to be considered as a new couture. It’s not even a new aesthetic avant-garde . It is a reassuring style that has always belonged to an intellectual tradition. A perfect version of what is already known with a quality that is missing elsewhere, it allows women to look beautiful and perfect without unnecessary masks.

Neogothic-Proprietexclusive

Trasposizione in chiave fairy tale del più classico Gothic Revival ottocenteso. Colore base il nero. Rigoroso ed enfatico. Radicale, eppure romantico. Il foulard Desire, declinato nel più semplice bianco e nero è indossato, dato le grandi dimensioni, come una grande mantella annodata sul décolleté. Il nero, filo conduttore del contemporaneo segna i passaggi sociali ed estetici del costume. Non è da considerarsi come una nuova couture. Non è nemmeno una nuova avanguardia estetica. È uno stile rassicurante che appartiene da sempre a una tradizione intellettuale. Una versione perfetta di ciò che è già conosciuto con una qualità che altrove latita, permette alle donne di apparire belle e perfette senza inutili travestitismi.

DESIRE-black-MarellaFoulard DESIRE – Gothic Vibe Black MARELLA by ALESSIO NESI

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter