RIVE D’AMBRE: THE BEST PERFUME EVER

In partnership with Elle.it

A moment of ecstatic oblivion. It was the first impression I got when I tried Rive D’Ambre by Tom Ford for the first time. On sale from October 2013 in a small number of selected perfume, is not new in perfumery, but remains one of the best perfumes of last seasons. Rive d’Ambre is part of the collection Atelier d’Orient, consisting of four Private Blend fragrances inspired by the beauty of the Orient in which olfactory pyramids stand agreements of voluptuous flowers, precious fruits, aromatic spices and rare oils. An extraordinary fragrance, dark and decadent with golden tones, veiled by the elegant dark art deco aura that is so reminiscent of the ancient Egyptians, whose olfactory pyramid creates a dynamic interplay between tradition and modernity. Precious citrus in its top notes – Oils of Bergamot, Lemon and Bitter Orange – heated by Cognac Oil, a touch of Tolù Venezuelan Balsam and a seductive amber which from base notes, burns the fragrance transforming it into something unique and unrepeatable. Tom Ford has continued to raise the prices of his fragrances using ingredients increasingly rare and expensive and is only if we use them that we realize that all of the universe divinities are close to us. It is not just a brand but a guarantee among niche fragrances. It is so for DNA. Raw materials used by Tom Ford are everywhere. The exoticism that he brought to perfumery, today travels by forced marches. Be sure that where Ford goes others follow. Since I started wearing Rive D’Ambre, it has become for me the hallmark of my presence. Necessary and indispensable. You must try it!

RiveDambre-TomFord-ProprietexclusiveEau de Parfum Rive D’Ambre TOM FORD

Un estatico momento di oblio. È stata la prima impressione che ho avuto quando per la prima volta ho provato Rive D’Ambre di Tom Ford. In vendita dall’Ottobre 2013 in uno sparuto numero di profumerie selezionate, non è una novità in profumeria, ma rimane uno dei profumi più cult dell’ ultime stagioni. Rive d’Ambre fa parte della collezione Atelier d’Orient, composta da quattro fragranze Private Blend ispirate alla bellezza dell’oriente nelle cui piramidi olfattive spiccano accordi di fiori voluttuosi, frutti preziosi, spezie aromaiche e olii rari. Una fragranza straordinaria, oscura e decadente dai toni dorati, velata dall’elegante aura dark e decò che tanto ricorda gli antichi egizi, la cui piramide olfattiva crea un gioco dinamico fra tradizione e contemporaneità. Agrumi preziosi nelle note di testa – Olii di Bergamotto, Limone e Arancio Amaro – riscaldati dall’Olio di Cognac, un tocco di Balsmano del Tolù Venezuelano e da un’Ambra seducente che dalla nota di fondo, incendia la fragranza trasformandola in un qualcosa di unico e irripetibile. Tom Ford ha continuato ad alzare i prezzi delle sue fragranze usando ingredienti sempre più rari e costosi ed è solo utilizzandoli che ci rendiamo conto che tutti gli dei dell’universo sono vicino a noi. Non è solo un brand ma una garanzia nelle fragranze di Nicchia. Lo è per DNA. Le materie prime che utilizza sono ovunque. L’esotismo che ha portato in profumeria viaggia oggi a marce forzate. Statene certi dove Ford va gli altri seguono. Dal giorno in cui ho indossato Rive D’Ambre è diventato per me il marchio distintivo della mia presenza. Necessario e irrinunciabile. Comunque andate a provarlo!

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

CONTROLLED ECCENTRIC

After the first pilot collection by Marco Zanini for the exhumed Thirties Elsa Schiaparelli‘s Maison, the second catwalk outlined in more detail the distinctive characteristics of the brand according to a precise way, for taste and silhouette. Extraordinary and unique creations, just as it was Elsa, sophisticated taste and cult of particular faultlessly out of context. To eclecticism. With a keen eye for detail and controlled excess on which rotates all the charm of the new Fall 2014 collection presented in Paris. Opulence noir, harlequin cuts, the Always present shocking pink, maxi furs, insect embroideries, hearts and arrows, big shoulders which cite the Forties, bold colors, feminine lines, with an elegant and eccentric result. Each look is accompanied by a Stephen Jones hat, and a Lesage-embroidered children’s party hat. It is the return of a maximalist couture with a cocktail of absolute simplicity and a tendency to opulence, condensed into creations with a strong visual impact. Congratulations.

SCHIAPARELLI-Fall-2014Fall Collection 2014 ELSA SCHIAPARELLI

Schiaparelli-Proprietexclusive-FW2014Free interpretation of some elements taken from the fascinating ELSA SCHIAPARELLI Fall 2014 Couture collection presented in Paris on the 7th of July

Dopo la prima collezione pilota di Marco Zanini per la riesumata Maison degli anni trenta di Elsa Schiaparelli, la seconda sfilata ha delineato con maggiore precisione i caratteri distintivi del brand secondo una strada precisa, per gusto e silhouette. Creazioni straordinarie e uniche, proprio com’era Elsa, gusto sofisticato e il culto del particolare irreprensibilmente fuori contesto. Per l’eclettismo. Con un occhio attento per il particolare e l’eccesso controllato sul quale ruota tutto il fascino della nuova collezione Fall 2014 presentata a Parigi. Opulenza noir, tagli arlecchino, il sempre presente Rosa Schocking, le maxi pellicce, ricami di insetti, cuori e frecce, spalle importanti citano gli anni quaranta, colori decisi, linee femminili, con un risultato elegante ed eccentrico. Ogni look è accompagnato da un cappello di Stephen Jones e da ricami Lesage come cappellini di una festa per bambini. È il ritorno di una couture massimalista con un cocktail di semplicità assoluta e predisposizione all’opulenza, condensato in creazioni dal forte impatto visivo. Congratulazioni.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter

TAROTS AND PERFUMES

 In partnership with Elle.it

Collected or simply used as lucky charms to predict the future, tarot cards along with scents are enigmatic symbols of the human soul in close contact with each other. Stefania Squeglia perfumer and creator of italian brand Mendittorosa Odori d’Anima, has introduced her latest creation at the last edition of Esxence. Eau de Parfum LeMata declaration of freedom“, says Stephania, “an invitation to search for our own identity by using esoteric symbolism of the first card in the deck, the only one without a number. Leave everything and follow yourself, to free your mind and instil drop by drop the desire to change course looking for a new destination“. The zero degree but also the maximum degree of expression, where it all begins. The Arcanum without number represents a tramp with the pilgrim’s staff, the hat and the jester’s cape, a perch upon which a bundle is hung. A dog that represents the instinct attacks him from behind. In the traditional Tarot Il Matto (the Fool) represents an irresponsible human being who drags himself through life following his irrational impulses in a pattern of anti-conformist life. Stefania Squeglia has reworked the iconography with a more introspective aspect. The same olfactory pyramid describes a soul that has no sex, religion, or profession, in constant search of itself. Nutmeg and Black Pepper around a heart of roses and geraniums, with whiffs of patchouli and cashmere. The essence is contained in a bottle created ad hoc by the Tuscan artist Alessandro Reggioli. The cap of LeMat is a handful of earth squeezed between hands, as a symbol of the earth that we move with our first step towards a new goal. Each cap is different one from the other. A terracotta medallion tied around the bottle bears the brand name. All strictly hand-made. You can find it only in niche perfumeries and selected concept stores. Tarots and perfumes prefer those who love them. They can be generous with those who do not expect anything in specific, if with the joy of beauty and game. Their ancient and mysterious origins, symbolism and the evocative power of both, have gone through moods and different societies remaining themselves over the centuries.

LeMat-ProprietexclusiveEau De Parfum Le Mat by MENDITTOROSA

Collezionati o semplicemente utilizzati come talismani portafortuna o per predire il futuro, i tarocchi insieme ai profumi sono simboli enigmatici dell’animo umano in stretto contatto tra loro. Stefania Squeglia profumiera e creatrice del brand italiano Mendittorosa Odori d’Anima ha presentato all’ultima edizione di Esxence la sua ultima creazione. L’Eau de Parfum LeMat: “una dichiarazione di libertà”, spiega Stefania, “un invito alla ricerca della propria identità utilizzando la simbologia esoterica della prima carta del mazzo, l’unica senza numero. Lascia tutto e seguiti, per liberare la mente e instillare goccia dopo goccia la voglia di cambiare rotta di cercare la nuova destinazione”. Il grado zero ma anche il grado massimo dell’espressione, dove tutto ha inizio. L’Arcano senza numero rappresenta un vagabondo con il bastone da pellegrino, il cappello e la mantellina da giullare, una pertica a cui è appeso un fagotto. Un cane che rappresenta l’istinto lo aggradisce da dietro. Nella cartomanzia tradizionale il MATTO rappresenta l’essere irresponsabile che si trascina attraverso l’esistenza assecondando gli impulsi irrazionali seguendo uno schema di vita anticonformista. Stefania Squeglia ha rielaborato l’iconografia con un aspetto più introspettivo. La stessa piramide olfattiva descrive un’anima che non ha sesso, religione o professione, alla continua ricerca di se stessi. Noce Moscata e Pepe Nero intorno ad un cuore di Rose e Gerani, con soffi di Patchouli e Cashmere. L’essenza è racchiusa in un flacone creato ad hoc dall’artista toscano Alessandro Reggioli. Il tappo di LeMat è una manciata di terra stretta tra le mani, a simbolo la della terra che smuoviamo con il nostro primo passo verso una nuova meta. Ogni tappo è diverso l’uno dall’altro. Una medaglietta di terracotta legata intorno al flacone porta il nome del marchio. Tutto rigorosamente hand-made. Lo potete trovare solo nelle profumerie di nicchia e in selezionati concept store. I tarocchi e profumi prediligono coloro che li amano. Sanno essere generosi con chi non si aspetta niente di preciso, se con la gioia del gioco e della bellezza. Le loro origini antiche e misteriose, il simbolismo e la forza evocativa di entrambi, hanno attraversato umori e società differenti restando nei secoli uguali a se stessi.

lineaa

Share on FacebookTweet about this on Twitter